Beautiful Stranger: 32a edizione di Bolzano Danza

da tuttoDanza
4 commenti

Sempre attesa la manifestazione che raduna le star internazionali della scena contemporanea, gli spettacoli più di tendenza e porta nel capoluogo altoatesino appassionati, critici e operatori del settore.

Bolzano Danza da sempre ha un filo conduttore e l’edizione 2016 indaga il tema dell’identità a partire dal fenomeno della migrazione. “Da secoli – spiega il direttore artistico del Festival Emanuele Masi – artisti, intellettuali e scienziati, ma anche persone comuni con un bagaglio fatto solo di storie e speranze, superano lingue e confini creando e rinnovando una koiné culturale le cui radici sono talmente intricate da renderla irreplicabile. L’edizione 2016, che ho voluto intitolare “Beautiful Stranger”, è un’esplorazione di autori e interpreti cosmopoliti che per provenienza, religione o colore della pelle interpretano e rappresentano l’idea dell’incontro tra culture e del confronto con l’alterità che caratterizza il dibattito contemporaneo, nel mondo e nel nostro territorio”.

Dal 16 al 30 luglio il festival con i suoi oltre 20 spettacoli – di cui 9 prime italiane e 1 prima assoluta – animerà tutta la Città: dalle due sale del Teatro Comunale, alle vie del centro storico, ai parchi cittadini, al Museion, fino ai suggestivi dintorni come l’altipiano del Renon e l’Alpe di Siusi.

L’inaugurazione è affidata ad Alonzo King con il suo Lines Ballet di San Francisco che presenta  Biophony/Writing Ground cui seguirà la prima di Made in Bangladesh di Kathak in cui la coreografa tedesca Helena Waldmann racconta lo sfruttamento e l’emancipazione dell’industria tessile nel paese asiatico. Danza indiana tradizionale anche con gli assoli del britannico Aakash Odedra la cui vita d’artista è simbolo della fusione di stilemi orientali e occidentali.

Seguiranno il quartetto Kokoro della catalana Lali Ayguadé e il pluripremiato coreografo tedesco Marco Goecke con la sua nuovissima creazione firmata per la Gauthier Dance//Dance Company Theaterhaus Stuttgart Nijinski, in prima ed esclusiva nazionale.

La Francia è divenuto luogo di nuova cittadinanza artistica per molti tra cui l’israeliano Emanuel Gat che presenta il dittico composto da Gold e Sacre e il siciliano Emilio Calcagno che con Catania Catania rende omaggio a Pina Bausch e alle radici mediterranee. Nato da madre francese e padre algerino, Heddy Maalem porta a Bolzano la sua ultima creazione composta da un assolo e un duetto, entrambi incentrati sul tema dell’identità in rapporto alla convivenza e all’amore: Nigra sum, Pulchra es e Toujours sur cette mer sauvage.

Atteso il ritorno di Rachid Ouramdane, neo co-direttore del Centre Chorégraphique National di Grenoble, con due distinti progetti: lo spettacolo Tordre e l’installazione-spettacolo in tre tappe al Museion Les yeux tournent autour du soleil, realizzato in collaborazione con il circense Yoann Bourgeois e il videoartista Mehdi Meddaci.

Non mancano appuntamenti unici come la “Notte a teatro” per i più piccoli e la “Danza in Vetrina”, nonché l’attenzione alle nuove generazioni, in collaborazione con il network Anticorpi XL, con la presentazione di tre spettacoli dei giovani autori Claudia Catarzi, Francesca Penzo e Tamar Grosz e il trio di Gabriele Valerio.

Bolzano Danza 2016 sarà inoltre al Parco delle Semirurali e al Parkhotel Holzner (Renon) con l’ironico spettacolo della compagnia francese Ke Kosa 500/CINQUECENTO e all’Alpe di Siusi con  la danza aerea della compagnia francese Retouramont.

Festa di chiusura aperta a tutti con performance e Dj Set a cura di Cristina Kristal Rizzo il 30 luglio dalle ore 22 al Parco dei Cappuccini.

Tutto il calendario e le info su www.bolzanodanza.it

Potrebbero anche piacerti

4 commenti

Alonzo King apre Bolzano Danza 2016 - TuttoDanza Maggio 21, 2016 - 5:30 pm

[…] all’insegna della grande danza (lunedì 18 luglio, ore 21.00, Teatro Comunale, Sala Grande) la 32esima edizione del Festival “Bolzano Danza/Tanz Bozen” 2016 con un dittico di lavori di Alonzo King di recente ideazione: “Biophony” (2015) in prima […]

Rispondi
Helena Waldmann a Bolzano Danza 2016 - TuttoDanza Maggio 28, 2016 - 6:21 pm

[…] sua ultima creazione che Bolzano Danza ospita in prima ed esclusiva italiana si intitola “Made in Bangladesh” e racconta la condizione […]

Rispondi
Rachid Ouramdane incontra Mehdi Meddaci - TuttoDanza Luglio 21, 2016 - 11:30 am

[…] da artisti attivi nel campo della video-arte. Nel mese di luglio Museion e Bolzano Danza (qui il programma del festival) rinnovano la collaborazione per le serate del giovedì (14, 21, 28 luglio dalle ore 22.00) della […]

Rispondi
Centre Choregraphique National de Grenoble - TuttoDanza Luglio 26, 2016 - 5:33 pm

[…] Ouramdane torna a Bolzano Danza 2016, dopo il successo di “Tenir le temps” presentato la scorsa edizione, da neo codirettore del […]

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto da copyright!!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi