martedì , 20 Agosto 2019
Home / News / Mibact: immobili per giovani artisti a 150 euro

Mibact: immobili per giovani artisti a 150 euro

Il MIBACT stila il nuovo elenco di immobili per giovani artisti a 150 euro al mese, stabili in disuso destinati alla cultura.

Dare in concessione alcuni immobili per giovani artisti a 150 al mese: il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali con decreto ha stabilito che cederà in gestione alcuni edifici storici e di interesse patrimoniale e artistico a un canone simbolico di 150 euro al mese per dieci anni. Si tratta di ville ed edifici storici indicati nell’elenco (successivo a quello del 2015) inserito nel Decreto Ministeriale pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 41 del 18 febbraio 2019, che ben presto saranno dati in concessione a giovani artisti.

La concessione sarà finalizzata alla trasformazione di alcuni luoghi oggi in disuso in centri di produzione artistica, teatri, luoghi destinati alla danza o alla musica, nel rispetto del bene patrimoniale. Nel decreto gli immobili statali non potendo garantire altre finalità istituzionali o essere trasferiti ad altri enti territoriali, saranno “destinati ad ospitare studi di giovani artisti italiani e stranieri per la realizzazione di produzioni di arte, musica, danza e teatro contemporanei”.

Elenco immobili per giovani artisti a 150 euro

Ecco gli immobili (indicati nell’allegato 1 del Decreto Ministeriale) selezionati per essere trasformati in luoghi di incontro e aggregazione e distribuiti su tutto il territorio nazionale:

  1. Vico Pisano (PI) – Palazzo Ducale – ex “Casello Idraulico”
  2. Livorno, “Torre di Calafuria”
  3. Firenze, “Villa Carducci Pandolfini”
  4. Trieste, Fabbricato “TSB0448”, in via Bramante n. 5
  5. Trieste, Fabbricato “TSB0514”, in via Belpoggio n. 28
  6. Ancona, “Rifugio Antiaereo”
  7. Bari, Fabbricato “La Torretta”

Requisiti di partecipazione

I beni saranno concessi o locati esclusivamente a cooperative e associazioni di artisti, residenti in Italia. Questo passaggio sarà regolato da un bando pubblico, emanato dall’ente gestore del bene immobile, in cui saranno definite le modalità di utilizzo e la tipologia di produzione artistica compatibile col bene da concedere. Chi si aggiudicherà la gestione dovrà dunque assicurare decoro in ambito edile, urbanistico e paesaggistico. Per dare maggior sostenibilità alla gestione del bene ed alle iniziative da svolgere, i beneficiari potranno avvalersi di forme di sponsorizzazione.

 

www.beniculturali.it

Condividi la notizia!

Guarda anche...

The White Crow, il nuovo film su Nureyev

A partire da domani, 27 giugno, è in programmazione nelle sale cinematografiche italiane The White …

Lascia un commento

Specify Facebook App ID and Secret in Super Socializer > Social Login section in admin panel for Facebook Login to work

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi