La nuova stagione 2021/2022 del Teatro alla Scala

da tuttoDanza
0 commento
La nuova stagione 2021/2022

La nuova stagione 2021/2022 di balletto del Teatro alla Scala vedrà gli artisti impegnati in dieci titoli: La Bayadère, Solitude Sometimes, Anima Animus, Bella Figura, Jewels, AfteRite, Les Noces, Sylvia, Giselle, Onegin.

Nei giorni scorsi si è tenuta la conferenza stampa per presentare la nuova stagione 2021/2022 del Teatro alla Scala. Sarà una stagione ricca di novità e tradizioni quella che il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala sarà chiamato a rappresentare, per l’esattezza i titoli che verranno proposti saranno dieci e si spazierà tra prime rappresentazioni e grandi conferme. 


LA NUOVA STAGIONE 2021/2022
L’apertura di stagione vede il debutto de La Bayadère di Rudolf Nureyev. Questa versione de La Bayadère non è mai stata rappresentato al di fuori del Balletto dell’Opéra di Parigi per cui fu creata nel 1992 e quest’anno per la prima volta verrà messa in scena dagli artisti del Teatro alla Scala, con Svetlana Zakharova in due recite a gennaio. L’allestimento sarà nuovissimo, scene e costumi saranno firmati da Luisa Spinatelli.

A gennaio andrà in scena anche la seconda produzione della stagione, un trittico: Solitude Sometimes nuova creazione affidata a Philippe Kratz, Anima Animus di David Dawson in debutto nazionale e Bella Figura di Jiří Kylián.

I debutti non finiscono qui, perché tra giugno e luglio sarà la volta di una serata-evento interamente firmata da Wayne McGregor su musiche di Stravinskij. Questa volta la compagnia sarà impegnata in due titoli, un debutto nazionale e una creazione totalmente nuova: AfteRite e Les Noces.

Come anticipato prima, non mancheranno i grandi classici della storia del balletto e del repertorio scaligero: dopo otto anni torna Jewels, poi sarà la volta di Onegin, Sylvia e Giselle.

LE PAROLE DI MANUEL LEGRIS
Manuel Legris fa sapere che ci sono belle notizie anche per la stagione in corso:

Il Direttore Manuel Legris – © Teatro alla Scala

In ottobre verrà presentata Madina, creazione musicale e coreografica che congiunge per la prima volta le sensibilità e originalità artistiche di due grandi autori del nostro tempo, con le coreografie di Mauro Bigonzetti e la prima mondiale della composizione di Fabio Vacchi; una nuova sfida anche per l’étoile Roberto Bolle che ne sarà protagonista in diverse recite. Grandi aspettative, speranze e progetti. É con grande gioia che presento questa programmazione, con il pensiero di un nuovo inizio e di un nuovo cammino che proseguirà assieme agli straordinari artisti del Balletto della Scala.

Manuel Legris

www.teatroallascala.org

Potrebbero anche piacerti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto da copyright!!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi