Parsons Dance Company in Italia: “La danza è vita”

da tuttoDanza
0 commento
Parsons

La compagnia di David Parsons è in tour in Italia fino a metà dicembre. La tournée è partita da Roma l’8 novembre e si concluderà con Mestre il 18 dicembre.

Quando si parla di David Parsons i teatri si affollano di un pubblico di affezionati che lo acclama sempre calorosamente,  ne riconosce lo stile, indiscutibilmente originale, la classe e la professionalità. Ed è successo così anche a Roma al Teatro Olimpico dall’8 al 13 novembre per la stagione dell’Accademia Filarmonica Romana, in occasione della messinscena di uno spettacolo che si può dire un collage di brani di repertorio come  Shining Star, The Envelopee Caught  con l’aggiunta di due nuove coreografie The Road e Balance of Power. Il pubblico romano, solo per le repliche al Teatro Olimpico, ha potuto assistere anche ad una coreografia intitolata Finding Center, creata appositamente per la bravissima danzatrice e coreografa Elena D’Amario, già prima ballerina della compagnia.  

Fin dalle origini David Parsons e il lighting designer Howell Binkley, avevano ben chiaro il progetto da portare avanti: una danza tecnicamente impeccabile e ben strutturata che gioiosamente coinvolga lo spettatore sin dai primi movimenti. E anche questa volta, a distanza di anni, la promessa è stata mantenuta. La danza di Parsons non può lasciare impassibile lo spettatore, avvolto dai movimenti energici e atletici che si susseguono con un ritmo sempre sostenuto e vibrante. Alla danza acrobatica vorticosa ed entusiasmante, si uniscono capacità espressive che veicolano messaggi più profondi che solo una compagnia ben formata e scelta può affrontare. I danzatori di questo tour italiano ZOEY ANDERSON, CROIX DIIENNO, RACHEL HARRIS, MEGAN LEIGH GARCIA, TÉA PÉREZ, CHRISTIAN PARIS BLUE, NICK FEARON, LUKE ROMANZI, ERIN HOLLAMON sono tutti abilissimi ma una in particolare ha richiamato l’attenzione del pubblico per la sua bravura esecutiva ed espressiva Zoey Anderson, abilmente valorizzata nel brano Balance of Power, un assolo creato da David Parsons nel 2020 in collaborazione con il compositore/percussionista italiano, Giancarlo De Trizio, proprio per lei.  “Ogni movimento che Zoey Anderson fa, fosse anche solo un battito di ciglia, ha un suo corrispettivo sonoro, è perfettamente accordato a uno specifico suono di batteria: un ottimo modo per evidenziare i movimenti di un solo ballerino in rapporto ai ritmi delle percussioni”.  E poi d’altronde non cerchiamo sempre tutti un equilibrio emotivo, fisico, da controllare per non rischiare di perderlo? 

Nella pièce coreografica di Parsons diventa importante il “come” si racconta la storia, la narrazione passa in secondo piano per porre in risalto le qualità gestuali e performative delle danzatrici e dei danzatori, tutti dentro uno stesso e unico linguaggio: la danza come espressione della vita. 

E così nella nuova coreografia The Road su musiche di Yusuf/Cat Stevens, il tema del viaggio è creato dal flusso continuo di movimento dei ballerini che danzano da una parte all’altra del palco con movimenti energici e fluidi. Ma la particolarità è che la direzione è sempre la stessa come se stessimo percorrendo una strada senza mai tornare indietro. David Parsons a proposito della scelta musicale del brano, affidata al celebre Cat Stevens, dice: “La sua musica ci conduce in viaggi emozionali con cui tutti noi possiamo relazionarci. Ho scelto Cat Stevens perché lo ascoltavo da ragazzo, ed ero commosso dai suoi testi, che parlano di bambini, del rapporto tra gli esseri umani, di tematiche che toccano tutti noi e che lui approfondisce mantenendo un tono incredibilmente ottimistico”. E da ragazzo Parsons a soli 17 anni arriva a New York con una borsa di studio alla Alvin Ailey School. In seguito studia e diventa primo ballerino con la Paul Taylor  Dance Company; seguono i Momix, per poi proseguire con la The White Oak Dance Project, fondata da Mikhail Baryshnikov e Mark Morris. Per la Parsons Dance Company ha creato più di 80 lavori. Gli sono state commissionate coreografie dall’American Ballet Theatre, il New York City Ballet, Alvin Ailey American Dance Theater, Batsheva Dance Company, Spoleto Festival e Het Muziektheater ad Amsterdam, solo per citarne alcune.

Come regista e coreografo ha collaborato con molti differenti artisti come John Corrigliano; Earth, Wind and Fire; Morton Gould; Donna Karan; Alex Katz; William Ivy Long; Santo Loquasto; Dave Matthews; Milton Nascimento; Robert Rauschenberg; Steely Dan; Dr. Billy Taylor.

David Parsons detiene un dottorato onorario ed è stato il primo a ricevere la borsa di studio Howard Gilman per completare il suo MFA alla Jacksonville University. Ha vinto il Dance Magazine Award nel 2000, l’American Choreography Award nel 2001 e il Dance Masters of America Award nel 2011.

È stato definito dal New York Times “uno dei grandi motori della danza moderna”.

Parsons rimane un abile coreografo capace di creare spettacoli in cui la danza è divertimento, gioia e speranza di vita. Insomma con lui la danza è vita. 

Tournée Italiana 

8.13 novembre Roma – Teatro Olimpico

17 novembre San Severo (FG) – Teatro Verdi

18 novembre Brindisi – Teatro Verdi

19 novembre – Teatro Team

25.26.27 novembre Milano – Teatro Arcimboldi

29 novembre Genova – Politeama Genovese

30 novembre Torino – Teatro Colosseo

2 dicembre Como – Teatro Sociale

3 dicembre Vicenza – Teatro Comunale

4 dicembre Padova – Gran Teatro Geox

5 dicembre Trieste – Politeama Rossetti

6 dicembre Cremona – Teatro Ponchielli

7 dicembre Bologna – EuropAuditorium

9 dicembre Ferrara – Teatro Comunale

10 dicembre Bergamo – Creberg Teatro

13 dicembre Assisi – Teatro Lyrick

15 dicembre Legnago – Teatro Salieri

16.17.18 dicembre Mestre – Teatro Toniolo

Roberta Cauchi

Potrebbero anche piacerti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto da copyright!!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi