Pina Forever

da tuttoDanza
0 commento
Pina Bausch

Pina Bausch, Germaine Acogny & Malou Airaudo vi aspettano al Teatro LAC di Lugano.

Pina Bausch non ha certamente bisogno di presentazioni. Indimenticabile artista, tra le più grandi del XX° secolo, ha lasciato un grande segno nel mondo della danza, penetrando a fondo nella cultura popolare attraverso il suo inconfondibile modo di comunicare attraverso il movimento. 

Il percorso creativo di Pina Bausch inizia al ritorno dagli Stati Uniti in Germania, dove fonda nel 1973 il Tanztheater Wuppertal per dare vita ad un nuovo filone della danza contemporanea: il teatro danza, un progetto artistico che fonde elementi del teatro di parola e la danza. Da subito i suoi suoi spettacoli ottengono grande successo e alcuni titoli, tra cui Café Müller (1978) e Le sacre du printemps (1975), diventano ben presto dei veri e propri cult
Pina Bausch ancora oggi è considerata un’icona, un punto di riferimento di un preciso momento storico e la sua importante eredità viene rappresentata in tutto il mondo.
Una straordinaria occasione per ammirare la sua versione di Sagra della Primavera, ci è offerta da LAC Lugano che conferma ancora una volta la particolare attenzione al mondo della grande danza.

L’idea di “scambio” è al centro del programma in due parti in scena sul palcoscenico ticinese il 28 e 29 febbraio in cui si segna la prima collaborazione tra Pina Bausch Foundation (Germania), École des Sables (Senegal) – centro internazionale per le danze africane tradizionali e contemporanee – e Sadler’s Wells (Regno Unito).
La Sagra della Primavera è interpretata da una compagnia appositamente composta da danzatori provenienti da quattordici paesi africani. Fedele alla composizione di Stravinsky, la coreografia esamina un rituale inflessibile, con il sacrificio di un “prescelto” che cambia la stagione dall’inverno alla primavera. In scena, uomini a torso nudo e donne in abiti leggeri danzano un rito sacrificale asciutto e violento su un palcoscenico ricoperto di terra. 
Nella serata anche common ground[s], un nuovo lavoro creato, interpretato e ispirato alla vita di due donne straordinarie: Germaine Acogny, “madre della danza africana contemporanea” e Leone d’oro alla carriera alla Biennale di Venezia 2021, e Malou Airaudo, ex membro del Tanztheater Wuppertal per il quale ha interpretato ruoli centrali in molte opere di Pina Bausch. Entrambe sono coreografe, docenti e madri: questo duetto, poetico e tenero, riflette le loro storie, le loro esperienze emotive e i loro punti in comune.

Pina Bausch / Germaine Acogny & Malou Airaudo
La Sagra della Primavera / common ground[s]
LAC LUGANO, 28 e 29 febbraio
www.luganolac.ch

Potrebbero anche piacerti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.